UCC: COSA NON CAMBIERÀ E PERCHÈ C’È ANCORA DA PRESTARE ATTENZIONE

UCC: COSA NON CAMBIERÀ E PERCHÈ C’È ANCORA DA PRESTARE ATTENZIONE

socio assosvezia camera di commercio kgh customs codice doganale

Il Codice Doganale dell’Unione (UCC) significa grandi cambiamenti per le dogane e per il commercio europeo, ma è anche giunto il momento di garantire che le vostre procedure in corso siano all’altezza della situazione.

Se non siete broker doganali, responsabili doganali all’interno di un’azienda o sviluppatori di software doganale, è possibile che non siate a conoscenza del fatto che il nuovo regolamento doganale a livello di UE (Codice Doganale dell’Unione o UCC) entrerà in vigore a partire dal 1 maggio 2016. Le congetture su come l’UCC influirà sulla gestione doganale quotidiana sono tante.

La maggior parte delle domande riguardano le future modifiche:

  • Quali saranno i nuovi requisiti in termini di come, quando e cosa comunicare alle autorità doganali?
  • Che cosa accadrà alle autorizzazioni doganali?
  • Vi saranno modifiche alle procedure doganali?
  • Saremo in grado di mantenere le semplificazioni attuali?
  • Cambierà tutto dal Primo Giorno oppure vi sarà una fase transitoria?

Invece, si è discusso poco rispetto alle aree che resteranno invariate dopo l’introduzione dell’UCC. Riteniamo, però, che molte aziende potrebbero beneficiare della revisione del loro modo di lavorare con queste aree invariate in vista della completa digitalizzazione delle dichiarazioni doganali.

Tra le aree che non subiranno modifiche figurano:

  • Codici merceologici
  • Come calcolare il Valore in dogana*
  • Come stabilire l’Origine Preferenziale per le esportazioni e le importazioni
  • Restrizioni
  • Anti-dumping
  • Accise

Inoltre, alcune domande potrebbero porsi:

  • Quali di queste aree sono pertinenti per voi?
  • Come gestirle all’interno della vostra azienda?
  • Chi è il responsabile di queste aree nella vostra azienda?
  • Disponete di procedure documentate aggiornate e pertinenti?
  • Disponete della conoscenza per rispettare lo standard richiesto?
  • Quando avete controllato l’ultima volta la vostra qualità in queste aree?
  • Impatto diretto sui dazi che pagate

La maggior parte delle suddette aree ha un impatto diretto sul livello di dazi esatti sulle merci coinvolte e pertanto saranno d’interesse per i futuri controlli e audit doganali dopo la digitalizzazione.

È possibile che la vostra azienda svolga già questa parte dell’attività doganale secondo standard elevati. Tuttavia, qualora aveste l’esigenza di effettuare alcuni miglioramenti, è giunto il momento di individuare e risolvere eventuali lacune.

È possibile che alcune società abbiano soltanto alcuni articoli (componenti e prodotti), ma molte ne hanno migliaia. Occorre tempo per esaminare adeguatamente questi registri, in particolare se è trascorso del tempo dall’ultima volta che lo avete fatto.

È anche possibile che abbiate avuto cambiamenti di personale che hanno lasciato un gap di conoscenze su quanto è stato fatto prima.

Speriamo che ciò possa contribuire a prepararvi il prima possibile e al meglio ai cambiamenti, e ai non cambiamenti, futuri.

Non esitate a contattar KGH, saremo lieti di rispondere a qualsiasi vostra domanda specifica.

*Il valore in dogana non cambierà, ad eccezione di quanto segue: la pratica “first sale” non potrà più essere utilizzata e, in caso di trasporto marittimo, si applicherà il valore al primo porto UE di arrivo.  


Per maggiori informazioni: alessandro.trompeo@kghcustoms.com

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin