Assosvezia meets: Domenico De Masi

Data: 08-05-2014  

Assosvezia meets: Domenico De Masi

“Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa dove vuole andare”

Un altro appuntamento all’insegna della grande partecipazione quello organizzato da Assosvezia lo scorso giovedì 8 maggio.

In occasione del secondo appuntamento di “Assosvezia meets”, il meeting con i rappresentati delle istituzioni e del mondo economico italiano, ha partecipato in veste di relatore Domenico De Masi – professore emerito di Sociologia del Lavoro presso l’Università “La Sapienza” di Roma.

L’incontro si è incentrato sul confronto della situazione attuale di mercato e sull’impatto sociologico inerente i cambiamenti dovuti alla crisi e alle prospettive evolutive da qui al 2020. Il professor De Masi ha introdotto il tema attraverso un confronto di rappresentazioni numeriche tra Svezia e Italia, passando poi a dimostrare i dieci trend che plasmeranno la nostra società in termini di longevità, tecnologia, economia, lavoro, ubiquità e plasmabilità, tempo libero, etica, estetica, cultura e androgina.

A offrire un ulteriore spunto sullo scenario socio-culturale nel quale evolverà il mondo da qui al 2020 è poi intervenuto Adam Arvidsson, Professore di Sociologia della Globalizzazione e dei Nuovi Media all’Università Statale di Milano.

Si sono toccate diverse questioni, la più importante e sentita quella della crisi, ma non è mancata la discussione su altri temi delicati per tutti come la disoccupazione, la tecnologia, la situazione economica in generale e il disagio sociale che ne consegue.

L’evento si è concluso con le considerazioni finali del prof. De Masi, e condivise dal collega, sull’insoddisfazione mondiale. Saremo anche più ricchi, più longevi, democratici e tecnologici, ma ci mancano le idee, siamo a corto di progetti e disperatamente disorientati. I modelli tradizionali sono in crisi e, nelle condizioni in cui siamo, anziché progettare il futuro ci limitiamo ad attenderlo. “Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa dove vuole andare”: citando Seneca, De Masi afferma che non c’è progresso senza felicità. Oggi non sappiamo più distinguere tra il brutto e il bello, il bene e il male, il pubblico e il privato, tra ciò che è vivo o morto, maschio o femmina. La vera crisi è dentro di noi, per superarla sarà necessaria una crescita individuale, occorrerà insomma investire in se stessi, arricchendo la propria vita di significato.

L’incontro ha lanciato numerosi spunti e temi su cui riflettere. Le argomentazioni chiamate in causa hanno stimolato al confronto i presenti che durante l’aperitivo conclusivo si sono scambiati esperienze, consigli e prospettive verso un nuovo modello di felicità globale.

Si ringrazia Volvo Trucks per aver reso possibile questo evento.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin