Un “cerotto” per curare le fratture

Un “cerotto” per curare le fratture

Un nuovo metodo per curare le fratture ossee è stato sviluppato dai ricercatori della Kungliga Tekniska Högskolan, il Politecnico di Stoccolma. Invece di sistemare la frattura con viti e piastre di metallo, il medico inietta una sorta di colla per le ossa, che si fissa intorno alla frattura come un cerotto finché questa guarisce. A questa innovazione ha lavorato tra gli altri Hans von Holst, professore di neurotecnologie presso la KTH e neurochirurgo dell’ospedale universitario Karolinska. Secondo il professore, quest’invenzione sarà particolarmente utile per i pazienti più anziani che hanno difficoltà a sopportare un’operazione sotto anestesia, perché si tratta di un metodo che richiede solo anestesia locale e chirurgia laparoscopica. Inoltre i costi per il sistema sanitario sarebbero molto ridotti, perché il paziente potrebbe tornare a casa il giorno stesso o il giorno dopo l’operazione. La colla che viene utilizzata è una soluzione polimerica che si indurisce a contatto con le ossa e assume la stessa forma dello scheletro. I ricercatori che l’hanno brevettata hanno costituito la società Repair Technologies Sweden per immetterla sul mercato. In autunno partiranno i test sulle cavie e tra uno o due anni si spera di poterla testare sugli uomini.

Leggi qui l’articolo completo (in svedese):

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin