Si vola basso con la green tax: calo di passeggeri sui voli nazionali 

Si vola basso con la green tax: calo di passeggeri sui voli nazionali 

La questione climatica è ormai entrata a pieno titolo tra le priorità degli svedesi che se possono scegliere evitano di viaggiare in aereo. Nell’ultimo anno i voli nazionali hanno infatti registrato un calo di passeggeri dell’8%. “Il declino dell’affluenza sulle tratte interne è in parte dovuto ai prezzi dei biglietti che sono saliti insieme al costo del carburante aumentando ulteriormente in combinazione alla corona svedese debole e alla nuova green tax approvata dal governo” sostiene Jim Hofverberg, portavoce della compagnia aerea BRA. Infatti accanto alle accise sui carburanti, la tassazione legata all’ambiente è volta proprio a incentivare i cittadini ad assumere stili di vita più ecocompatibili. La strategia di governo prevede che il gettito ottenuto dai biglietti aerei più costosi venga poi reinvestito nello sviluppo di forme di mobilità più ecologiche. “Abbiamo un sistema di compensazione di CO2 e puntiamo molto allo sviluppo dei biocarburanti sostenibili, due aspetti molto apprezzati dai nostri clienti” riferisce Freja Annamatz, portavoce di SAS Sverige, che in controtendenza rispetto ad altre compagnie aeree ha registrato un aumento della domanda del 6,3% sui voli nazionali. Dal canto suo anche BRA si sta allineando verso una politica più green. Aerei ad elica di piccole dimensioni garantiranno minori emissioni in volo. Inevitabili purtroppo tagli importanti del personale di bordo.

Fonte: 1

Traduzione a cura di Ida Montrasio

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin