Occupati da una vita: gli over 60 non hanno nessuna fretta di andare in pensione

Occupati da una vita: gli over 60 non hanno nessuna fretta di andare in pensione

Sono sempre di più gli ultra sessantenni svedesi che continuano a lavorare, soprattutto nel settore dell’assistenza e della sanità dove il numero di impiegati nell’età compresa tra i 65 e i 69 è aumentato significativamente. “Il mio lavoro è importante e credo che la mia esperienza venga apprezzata” commenta l’allergologa sessantasettenne Victoria Strand pur chiarendo che non tutti i lavori sono uguali e che ci vorrebbe una certa flessibilità nel consentire un pensionamento anticipato a coloro che svolgono delle professioni più logoranti. Da una recente indagine emerge che negli ultimi dieci anni i lavoratori senior sono aumentati da 8.000 a 21.000, con una grossa componente femminile. Infatti, in considerazione dell’allungamento dell’aspettativa di vita in Svezia, il governo ha recentemente rivisto la soglia consigliata per l’uscita dal lavoro fissandola a 62 anni e con quest’anno si avrà il diritto di mantenere il proprio impiego fino al raggiungimento dei 68. Se la soglia consigliata per la sostenibilità del sistema previdenziale continuerà ad alzarsi sarà cruciale che il mercato del lavoro sia più avveduto nei confronti degli over 60, ad esempio garantendo un part-time agevolato che dovrebbe facilitare il ricambio tra anziani e giovani. A questo proposito ben il 70% dei pensionati considera la possibilità di diventare mentore dei colleghi alle prime armi. “Pur essendo ormai anziani ci teniamo a dare il nostro contributo per costruire il futuro in un ottica intergenerazionale” afferma Lisbeth Ekström, 73 anni.

Fonte: 1 | 2 | 3

Traduzione a cura di Ida Montrasio

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin